statistiche.

In aereo,
avrò incrociato mia moglie
almeno un milione di volte.

penso che penso troppo.

cosa pensi di fare

quando lo stai già facendo?

|rispondi, se puoi|

shock

Non mi sono ancora ripreso,
rimasto col fiatone,
gli occhi sgranati nel vuoto.

Pochi minuti sono bastati,
la cornetta ancora
mi teneva per l’orecchio.

Una O stampata sopra il mento,
un lasso di tempo rallentato,
quasi come stare in un fondale,
lento tutto ti fluttua intorno,
i miei occhiali e le sue parole,
le penne e i colori,
tutto a soqquadro.

Non mi sono ancora ripreso,
eppure scrivo, come Pollock,
lanciava secchiate su tela,
io cerco di fotografare il momento,
butto due sillabe sul taccuino.

L’importante è poterlo raccontare,
così si dice di solito.