giardino liquido.

Vorrei un giardino liquido
per farmi scivolare tutto addosso,
sbloccare le valvole e rilasciare tutto,
cascare tutto a terra,
perdermi tra le setole
di un’erbetta sintetica,
olio di rugiada la mattina presto,
odore di plastica,
gomma morbida,
ruscelli di sorrisi
in un Eden personale,
un bosco diagonale,
una radura parallela
ad un mondo parallelo.

il quadro è mio

Giardino Liquido, 50×50, manopole dell’acqua (per intenderci) su acrilico e tempera su tela.

mesto.

Esprimere la tristezza non è poi così facile, ci ho provato a parole e a pennelli:

vortice di eventi che ti abbassano la serotonina e ti fanno sembrare tutto come se avessi gli occhiali da sole di notte.

pensaci tu. tu che mi guardi.

sarei davvero felice se davanti a questa immagine spendeste 1 minuto e commentaste con la vostra interpretazione del dipinto, con la prima cosa che vi viene in mente.

il quadro si intitola Pensaci tu ed è stato dipinto a questo proposito, il lettore ne dà un’anima ed un’interpretazione.

grazie