regginella

Tornato a Bergamo, da casa, la sento ancora nelle orecchie..
Te si’ fatta ‘na veste scullata,
nu cappiello cu ‘e nastre e cu ‘e rrose…
Stive ‘mmiezo a tre o quattro sciantose,
e parlave francese… è accussì?
Fuje l’autriere ca t’aggio ‘ncuntrata?
Fuje l’autriere, a Tuleto, gnorsì…
T’aggio vuluto bene a te…
Tu m’è vuluto bene a me!
Mo nun ‘nce amammo cchiù,
ma ‘e vvote tu
distrattamente pienze a me!
Reginè, quanno stive cu mmico
non magnave ca pane e cerase,
nuie campavamo ‘e vase! E che vase,
tu cantave e chiagnive pe’ me…
E ‘o cardillo cantava cu ttico:
Reginella ‘o vuo’ bene a ‘stu rre
T’aggio vuluto bene a te…
Tu m’è vuluto bene a me!
Mo nun ‘nce amammo cchiù,
ma ‘e vvote tu
distrattamente pienze a me! Oj cardillo, a chi aspiette stasera?
Nun ‘o vide? aggio aperta ‘a cajola,
Reginella è vulata, e tu vola!
Vola e canta, nun chiagnere ccà!
t’he’ ‘à truva’ ‘na patrona sincera
ca è cchiù degna ‘e sentirte ‘e cantà.
T’aggio vuluto bene a te…
Tu m’è vuluto bene a me!
Mo nun ‘nce amammo cchiù,
ma ‘e vvote tu
distrattamente pienze a me!

|Libero Bovio – 1917|

Annunci

quello che per me è importante.

Le incomprensioni sono così strane,
sarebbe meglio evitarle sempre,
per non rischiare di aver ragione,
ché la ragione non sempre serve.

Domani invece devo ripartire
mi aspetta un altro viaggio,
e sembrerà come senza fine
ma guarderò il paesaggio.

Sono lontano e mi torni in mente
t’immagino parlare con la gente.

Il mio pensiero vola verso te
per raggiungere le immagini
scolpite ormai nella coscienza
come indelebili emozioni
che non posso più scordare,
e il pensiero andrà a cercare,
tutte le volte che ti sentirò distante,
tutte le volte che ti vorrei parlare,
per dirti ancora che
sei solo tu la cosa,
che per me è importante
che per me è importante

Mi piace raccontarti sempre
quello che mi succede,
le mie parole diventano nelle tue mani
forme nuove colorate,
note profonde mai ascoltate
di una musica sempre più dolce
o il suono di una sirena
perduta e lontana.

Mi sembrerà di viaggiare io e te
con la stessa valigia in due
dividendo tutto sempre.
Normalmente.

|Tiromancino|

bellezza.

Sai che il giorno s’impara
ed è subito sera, salutiamoci.
Sai che chi si ferma è perduto,
ma si perde tutto chi non si ferma mai.

Sai che è ben poca certezza,
ma spesso consola e rischiara,
è profumo e candela, la bellezza.

Sai che un fatto convince
più di ogni pensiero, tocchiamoci.
Sai che chi di notte non dorme,
consuma più in fretta il tempo che ha.
Non si smette di fumare
in un giorno qualunque,
anche il vuoto si apprezza
è meraviglia perversa, la bellezza

Eppure ci manca sempre qualcosa,
in fondo ci manca sempre qualcosa

Sai che c’è chi non si ferisce
ma s’infastidisce soltanto.
Così vedere una stella di giorno
come un’ombra di notte, salva dalla realtà,
sei di passaggio godi il tuo turno
anche se c’è chi disprezza,
è un’amante fedele, la bellezza.

eppure ci manca sempre qualcosa
la vita è una corsa meravigliosa,
eppure ci manca sempre qualcosa.

|Niccolò Fabi|

legami. costruire.

Chiudi gli occhi,

immagina una gioia,
molto probabilmente,
penseresti a una partenza.

ah si vivesse solo di inizi,
di eccitazioni da prima volta,
quando tutto ti sorprende
e nulla ti appartiene ancora.

penseresti all’odore di un libro nuovo,
a quello di vernice fresca,
a un regalo da scartare,
al giorno prima della festa.

al 21 marzo, al primo abbraccio,
a una matita intera, a la primavera
alla paura del debutto,
al tremore dell’esordio,
ma tra la partenza e il traguardo,

nel mezzo c’è tutto il resto
e tutto il resto è giorno dopo giorno
e giorno dopo giorno è
silenziosamente costruire,
e costruire è sapere e potere
rinunciare alla perfezione.

ma il finale è di certo più teatrale
così di ogni storia ricordi solo
la sua conclusione.

così come l’ultimo bicchiere, l’ultima visione

un tramonto solitario, l’inchino e poi il sipario,
tra l’attesa e il suo compimento,
tra il primo tema e il testamento,

nel mezzo c’è tutto il resto,
e tutto il resto è giorno dopo giorno,
e giorno dopo giorno è
silenziosamente, costruire,
e costruire è sapere e potere
rinunciare alla perfezione.

|ti stringo le mani
rimani qui
cadrà la neve
a breve|