anatomie.

Labirinti di arterie,
viaggiano veloci
flussi endovenosi,
venticello ossigenante,
un’aria fresca, tanto,
intricato che mi perdo,
coperto da un manto,
io volontario lì mi perdo,
cancello le impronte
per tornare indietro,
cancello chi c’è stato,
di chi c’è stato prima,
chi ha calpestato
per prima la via.

Intricato intorno al collo
piovra che s’attacca,
un labirinto senza muri,
dov’è quasi ovvio
chiamarlo casa,
dov’è bello restare,
dov’è naturale perdersi,
dov’è quasi scontato
sentirsi accolti.

le tue braccia.

Annunci

sapore.

Devi essere come
sono le cose belle,
tipo, quando c’è il sole,
e corri sulla sabbia.

Devi sapere come
sanno le cose buone,
quelle a pranzo,
la domenica,
quando mamma
e nonna cucinano.

Devi proprio essere
come i tessuti,
come i colori,
come le taglie,
che sicuro mi stanno.

Ti penso, immagino,
ti scarabocchio,
schizzi che nessuno,
ancora, può vedere,
e che tu nemmeno
immagini, per niente:
non c’è nemmeno il rischio
di dover nascondere i fogli.

Mi riavvii il cervello la mattina,
accendi le idee,
lampadine al tungsteno
su basi di legno
che vanno a caffellatte.

A più colonne, forse
dovrei scrivere
per far entrare tutto,
tutto quello che penso.

Devi proprio sapere
come le cose semplici,
il pane caldo,
l’odore del ragù,
le passeggiate in bici,
quelle sul lungomare,
il gelato che ti sporca
la punta del naso, quella
collina, tra tutte le zone
di periferia che ancora
devo e vorrei visitare;
il sonno di qualcuno,
il sole che ci sveglierà,
il sudore sulla fronte,
e se ne trovi di più,
io sono qui.

Tu pure.

Ti sento, ti ascolto e penso che
devi essere fatta proprio
come sono fatte le cose belle.

regginella

Tornato a Bergamo, da casa, la sento ancora nelle orecchie..
Te si’ fatta ‘na veste scullata,
nu cappiello cu ‘e nastre e cu ‘e rrose…
Stive ‘mmiezo a tre o quattro sciantose,
e parlave francese… è accussì?
Fuje l’autriere ca t’aggio ‘ncuntrata?
Fuje l’autriere, a Tuleto, gnorsì…
T’aggio vuluto bene a te…
Tu m’è vuluto bene a me!
Mo nun ‘nce amammo cchiù,
ma ‘e vvote tu
distrattamente pienze a me!
Reginè, quanno stive cu mmico
non magnave ca pane e cerase,
nuie campavamo ‘e vase! E che vase,
tu cantave e chiagnive pe’ me…
E ‘o cardillo cantava cu ttico:
Reginella ‘o vuo’ bene a ‘stu rre
T’aggio vuluto bene a te…
Tu m’è vuluto bene a me!
Mo nun ‘nce amammo cchiù,
ma ‘e vvote tu
distrattamente pienze a me! Oj cardillo, a chi aspiette stasera?
Nun ‘o vide? aggio aperta ‘a cajola,
Reginella è vulata, e tu vola!
Vola e canta, nun chiagnere ccà!
t’he’ ‘à truva’ ‘na patrona sincera
ca è cchiù degna ‘e sentirte ‘e cantà.
T’aggio vuluto bene a te…
Tu m’è vuluto bene a me!
Mo nun ‘nce amammo cchiù,
ma ‘e vvote tu
distrattamente pienze a me!

|Libero Bovio – 1917|

ho preso un volo per due. (ita/eng)

Vorrei scriverti di tutto,
e vorrei scriverlo a tutti,
se mi sei entrata dentro,
e che mi sei entrata qui.

Se lo solo potessi
qui ci starei di più,
se solo avessi saputo
t’avrei fissato di più,
davanti la nostra solita
mattinata insieme,
davanti al caffellatte
e alle cascate di storie,
ai sorrisi che ti faccio
ai tentativi di stampare
in mente quel colore.

Iridi che cambiano
forma e luce,
come noi quando
cambia il meteo.

_________________________

I wish write you whatever,
and I wish to write to everyone,
that you entered in me,
that you entered inside.

If I could
I’d stay here more,
if I knew
I would stare at you more,
in our usual
morning together,
in our caffellatte cup
and our stories’ cascade,
in my smile I donto you
in attempts to print
in my mind that colour.

Iris changing
shape and light,
like us, when
weather changes.

come un imbianchino. (ita/eng)

D’allora ad oggi sono un altro,
come se m’avessi
dipinto addosso
i tuoi colori,
come se m’avessi
colorato addosso
una tinta unita,
una tinta unica che
però con gradienti,
sfumature, un solo colore
fuori dallo spettro del visibile.

D’allora in poi sono un altro,
non sono più compatibile,
come se m’avessi
dipinto dentro, indelebile,
tinteggiato le pareti interne,
vernice, rullo e pennello,
prima erano pareti nere,
fuori dallo spettro del bello.

______________________________

like a house painter

From that time to now
I’m someone else
as you painted on me
your colours,
as you coloured on me
an unique plain dye,
with gradients,
shades, only one colour
out of visible spectrum.

From that time
no more compatible,
as you painted in me,
permanently,
coloured my interior walls,
paint, roller and brush,
before black walls, now
out of beauty spectrum.