loop.

l’acqua è profonda,
qui nella vasca,
a lato ci sono io,
come una bustina di tè
sciolgo i nodi
di una giornata seduta
alla scrivania
con progetti che nessuno
e dico per nessuno
avranno importanza.
l’acqua è alta,
chiudo il rubinetto,
fuori la finestra
la periferia,
le voci dei vicini,
sembra stiano in vasca con me,
le macchine,
un brusio cronico,
prova a fermarlo e fammi sapere,
la pizzeria che esce la spazzatura,
a quanto pare stasera è vetro,
forse non te l’ho mai detto ma tu
per me sei come Bergamo,
forse ti farà ridere, ma
migliori complimenti non ne ho,
ricorda che sei bella come casa mia,
una canzone fissa in questi giorni,
che sta perdendo valore
più satura le mie orecchie,
scrivo a ruota libera,
serve a calmarmi.
che intenzioni hai?
io mi automotivo,
mi autosuggestiono e penso
alle cose belle,
a cosa nella vita,
nella giornata, nel minuto
che sono più e non sono meno,
ma cado anch’io,
come ora nella profondità
della mia vasca,
mi inghiotte il calore
e va bene così,
sono in astinenza,
stamattina dal caffè,
adesso dalle mie tele,
dai sorrisi, boh non so,
da Bergamo, forse.
che intenzioni hai?
una frase che è messa
in sovraimpressione
in loop, ma ora
sono stanco,
e la chiudo qua.

il naso mi va meglio della memoria.

Ogni mattina faccio il caffè,
è pura abitudine, nulla di più,
quando lo lascio per troppo, però,
inizia a salire l’odore tipico
dell’acqua nella moka,
il mio naso funziona meglio,
meglio della mia memoria,
questo aroma mi ricorda
la casa al mare di famiglia,
quell’odore di umido,
di abitazioni chiuse
e riaperte solo in estate,
e così via su una autostrada
di flussi di coscienza,
o forse di incoscienza,
per via dei ricordi infantili,
senza fine, perché poi
questo ricordo mi riporta
alle estati passate in famiglia,
tutti uniti sotto un tetto solo,
e poi ancora i gelati la sera,
le grigliate, le risate, l’unione,
l’odore della crema protettiva,
l’abbronzatura che bruciava
perché ho la pelle bianchissima,
e poi ancora i braccioli rossi,
erano difficili da gonfiare,
quella valvoletta bastarda,
qualcuno che mi lanciava,
quando ancora si poteva,
mi ritrovo al mare e dal mare,
il freddo del primo bagno
e la confidenza che prendevo
dopo mezzo minuto, fino
al costumino che avevo
sempre bagnato,
che nessuno mi toglieva dall’acqua,
la sabbia che bruciava
la sento ancora sotto le piante,
il ritorno a casa, sbattere le pantofole
per evitare la creazione di dune
nella macchina di papà,
potrei continuare per ore,
col sudore che gronda dalla fronte,
come anche adesso, ma senza
quei pomeriggi a spararci l’acqua.

il mio naso funziona meglio,
di sicuro, della mia memoria.

mi piaceva il tuo periodo rosa.

Mi piaceva il tuo periodo rosa,
speravo durasse il più a lungo possibile,

Le cose belle finiscono in fretta,
forse per questo sono belle.

Se tutto durasse pochissimo,
esempio, i dolori, gli amori,
le messe e le partite di calcio,
forse forse,
andremmo più spesso dal dentista,
ci innamoreremmo
meno frequentemente,
ed io andrei a confessarmi
con al collo la sciarpa del Napoli.

Sei in un periodo blu, blu,
come gli occhi di un bimbo,
che guardano ad una realtà
alle volte da bollino rosso.
Colori inappropriati,
tinte opposte, primarie,
ma opposte.
Come opposti eravamo noi,
tu rosa ed io blu.

Quello che mi resta ora,
è solo pensare che
mi piaceva il tuo periodo rosa,
avrei voluto vederlo di più,
ora quello che sentivo vivere,
non lo sento più,
quello che mi rimane
sulla tela è solo il blu.

regginella

Tornato a Bergamo, da casa, la sento ancora nelle orecchie..
Te si’ fatta ‘na veste scullata,
nu cappiello cu ‘e nastre e cu ‘e rrose…
Stive ‘mmiezo a tre o quattro sciantose,
e parlave francese… è accussì?
Fuje l’autriere ca t’aggio ‘ncuntrata?
Fuje l’autriere, a Tuleto, gnorsì…
T’aggio vuluto bene a te…
Tu m’è vuluto bene a me!
Mo nun ‘nce amammo cchiù,
ma ‘e vvote tu
distrattamente pienze a me!
Reginè, quanno stive cu mmico
non magnave ca pane e cerase,
nuie campavamo ‘e vase! E che vase,
tu cantave e chiagnive pe’ me…
E ‘o cardillo cantava cu ttico:
Reginella ‘o vuo’ bene a ‘stu rre
T’aggio vuluto bene a te…
Tu m’è vuluto bene a me!
Mo nun ‘nce amammo cchiù,
ma ‘e vvote tu
distrattamente pienze a me! Oj cardillo, a chi aspiette stasera?
Nun ‘o vide? aggio aperta ‘a cajola,
Reginella è vulata, e tu vola!
Vola e canta, nun chiagnere ccà!
t’he’ ‘à truva’ ‘na patrona sincera
ca è cchiù degna ‘e sentirte ‘e cantà.
T’aggio vuluto bene a te…
Tu m’è vuluto bene a me!
Mo nun ‘nce amammo cchiù,
ma ‘e vvote tu
distrattamente pienze a me!

|Libero Bovio – 1917|

quando torni a casa

L’aria è calda anche d’inverno,
fa nulla che tu sia al sud o al nord,
è casa tua, è calda, come
una sciarpa abbraccia il collo,
la neve s’appoggia ai tetti,
come il camino illumina la stanza,
un sorriso dagli zigomi rossi.

Senti di appartenere a quei luoghi,
perché conosci a memoria le vie,
perché ricordi il colore delle piastrelle,
l’odore dei fiori o le siepi inutili,
il suono di quando calpesti l’asfalto.

È casa tua,
casa è ciò che ti fa sentire bene,
casa è chi ti fa stare meglio,
casa è dove scegli di vivere per sempre.

nonni.

A volte vorrei solo
sentire ancora l’odore
della mattina,
quando tornato da lavoro
avevi avuto un pensiero per me.

A volte vorrei soltanto ascoltare
per l’ennesima volta la tua voce
raccontarmi quelle storie,
sempre uguali, sempre le stesse,
e ridere come fosse la prima volta.

A volte, spesse volte, vi penso.
Mi mancate.

solo.

Dopo tutto,
non è proprio male
la solitudine.

Decidere, muoversi, stare,
tutto dipende da te.

Un po’ di sano egoismo
può far solo bene.
Fa bene a te, ed
al rapporto con te stesso,
e fa bene agli altri,
idem con patate.

È il giusto prezzo
da pagare per la libertà.

Cerca una persona
che ti faccia sentire bene,
che ti faccia sentire te stesso,
talvolta,
Che ti faccia sentire solo.