legami. costruire.

Chiudi gli occhi,

immagina una gioia,
molto probabilmente,
penseresti a una partenza.

ah si vivesse solo di inizi,
di eccitazioni da prima volta,
quando tutto ti sorprende
e nulla ti appartiene ancora.

penseresti all’odore di un libro nuovo,
a quello di vernice fresca,
a un regalo da scartare,
al giorno prima della festa.

al 21 marzo, al primo abbraccio,
a una matita intera, a la primavera
alla paura del debutto,
al tremore dell’esordio,
ma tra la partenza e il traguardo,

nel mezzo c’è tutto il resto
e tutto il resto è giorno dopo giorno
e giorno dopo giorno è
silenziosamente costruire,
e costruire è sapere e potere
rinunciare alla perfezione.

ma il finale è di certo più teatrale
così di ogni storia ricordi solo
la sua conclusione.

così come l’ultimo bicchiere, l’ultima visione

un tramonto solitario, l’inchino e poi il sipario,
tra l’attesa e il suo compimento,
tra il primo tema e il testamento,

nel mezzo c’è tutto il resto,
e tutto il resto è giorno dopo giorno,
e giorno dopo giorno è
silenziosamente, costruire,
e costruire è sapere e potere
rinunciare alla perfezione.

|ti stringo le mani
rimani qui
cadrà la neve
a breve|

5 pensieri riguardo “legami. costruire.”

      1. ahahah, tu si che sei un fenomeno caro Vincenzo.
        Anche se in effetti po esse che io non sia neanche dove sia di casa la saggezza Ché poi alla fine vivere un po’ fuori le righe fa pure figo, ahahah 🙂

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...