il mio cervello non chiude mai.

Insegna sempre accesa, saracinesca ancora sù fino a notte fonda, quando sulla costa si vede galleggiare un arcipelago di idee, fatti che hanno dell’incredibile a certe ore del giorno o della notte. Il mio cervello non chiude mai, dovrei dargli delle ferie, ma proprio non ne vuole sapere.   |il mio cervello non si stuta… Continue reading il mio cervello non chiude mai.

la sera dove vivo.

Le luci dei lampioni, prima arancio, ora mi accompagnano con un’atmosfera a risparmio energetico. Qualche pipistrello di chioma in chioma, ed il silenzio, la pizzeria chiusa. Passa a salutarmi qualche anabbagliante di fretta. È umido, fa caldissimo. La sera dove vivo, il cielo promette bel tempo per domani, chiude gli occhi, è stanco, ma sereno.… Continue reading la sera dove vivo.

inibizione e imbibizione.

Come un freno a mano, in una curva all’uscita in tangenziale, blocca tutto il flusso che vorrebbe tornare felice. A casa. Mi frena il bisogno di stare con me. Ci sono stato troppo, per troppo, purtroppo lontano. Assorbo i pochi momenti, adesso, divento Spugna su scoglio, cerco di memorizzare e mandarli in onda quando voglio.… Continue reading inibizione e imbibizione.

mi piace come parli.

Ancora sveglio, mi tieni ad occhi aperti. Se ti dicessi che mi piace il modo in cui parli, la maniera in cui articoli quella cascata di immagini? Ancora non riesco, a descrivere l’effetto che mi fa. Come un sapore sempre nuovo, qualcosa mai assaggiato. Non posso scriverlo, disegnarlo, esprimerlo a colori. |nel frattempo rimaniamo in… Continue reading mi piace come parli.

come un tarlo.

Cerco tra le virgole, leggendo tra le righe e gli album di foto che mi hai donato, i ricordi che abbiamo sepolto. Eppure ti cerco ancora. Assaggiando ogni intercalare, tra le vie tutti ti somigliano. Faccio amicizia con una mosca, compagnia fedele oggi, mentre lo strusciare della matita risuona nella stanza. E cerco ancora senza… Continue reading come un tarlo.

dissimulatio.

Chiunque ha segreti nascosti, cartoline mai inviate, lettere rimaste nei propri cassetti magari un destinatario paziente, ma un mittente troppo codardo. I segreti tengono viva la nostra galleria d’arte di perversioni e sogni. Dai miei ampi occhiali vedo un mondo saturo di scheletri in armadi con le ante rotte. Traspiranti della loro essenza. Trasparenti alla… Continue reading dissimulatio.